Home » Pane

Ghirlanda di pane dolce – profumo di Natale

Quello che vi propongo è un impasto a lievitazione naturale. Voi, sostituendo la Pasta Madre con soli 3 g di lievito fresco di birra, potrete procedere seguendo le stesse indicazioni!
Preparazione: 2 ore
Cottura: 30 minuti
Tempo totale: 2 ore 30 minuti
Stampa ricetta
Portata: fingerfood
Cucina: Italiana
Porzioni: 8 porzioni
Autore Ricettario di casa

Ingredienti

  • 100 gr di Pasta Madre rinfrescata o 3 grammi di lievito di birra fresco
  • 250 gr di farina Manitoba
  • 250 gr di farina 00
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 50 ml di acqua
  • 150 ml di latte
  • 60 gr di burro
  • 1 cucchiaino di miele di acacia
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • la buccia grattugiata di ½ limone
  • PER FARCIRE: arancia candita 40 g di gocce di cioccolato fondente, 2 cucchiai di zucchero di canna, 1 cucchiaino di cannella in polvere 40 g di burro, 40 g di uva passa, 1 cucchiaio di vino liquoroso
  • PER SPENNELLARE: una noce di burro 1 uovo + un goccio di latte

Istruzioni

  • trasferire il lievito naturale in una ciotola capiente insieme al miele (fare lo stesso in caso si proceda con il lievito di birra)
  • scioglierli in latte e acqua a temperatura ambiente (20° circa)
  • mescolare le due farine ed incorporarle progressivamente a pioggia ai liquidi nella ciotola
  • aggiungere l’uovo, il burro morbido in fiocchi, la buccia del limone ed in ultimo il sale continuando a lavorare
  • trasferire il composto su un piano da lavoro infarinato e lavorarlo energicamente per qualche minuto fin quando non risulterà liscio e molto elastico
  • trasferirlo in una ciotola pulita, coprirlo e riporlo in luogo riparato (es. forno chiuso) per tutta la notte
  • mescolare l’uva passa al vino liquoroso e tenere da parte
  • capovolgere delicatamente l’impasto su un piano infarinato
  • appiattirlo con i polpastrelli e ripiegare i lembi esterni verso il centro in modo da ottenere la forma di un rettangolo regolare
  • stendere l’impasto con un matterello fino ad ottenere un rettangolo lungo e non troppo largo (25 x 60 cm circa) con uno spessore di 4 mm
  • sciogliere a bagnomaria il burro ed utilizzarlo per spennellare la superficie del rettangolo
  • mescolare lo zucchero di canna alla cannella e spargerli sull’impasto
  • tritare grossolanamente l’arancia candita e distribuirla su tutta l’area insieme alle gocce di cioccolato ed all’uva passa ben strizzata
  • schiacciare delicatamente tutto con i polpastrelli in modo da far aderire i vari pezzettini
  • avvolgere l’impasto su se stesso partendo dal suo lato più lungo in modo da ottenere un salame
  • posizionarlo sul piano da lavoro in posizione verticale rispetto a voi e – a partendo da circa 3 cm dall’estremità superiore – tagliare con decisione il filoncino a metà per tutta la lunghezza (esclusa la giuntura iniziale)
  • roteare leggermente ogni metà del filoncino in modo da avere la parte interna verso l’alto
  • incrociare ed intrecciare le due parti fino alla fine dell’impasto
  • ricongiungere le due estremità formando una corona circolare
  • trasferire la ghirlanda su una leccarda rivestita di carta forno
  • spennellarla con un po’ di burro fuso, coprirla con della pellicola da cucina e lasciarla lievitare in luogo tiepido e riparato per circa 2 ore (o comunque fino al raddoppio)
  • spennellare la treccia con un miscuglio a base di uovo ed un goccio di latte
  • cuocere in forno statico preriscaldato a 200° per 10 minuti
  • proseguire la cottura per altri 20 minuti a 180° monitorando il livello di doratura
  • lasciar raffreddare completamente prima di impacchettare
  • ultimare eventualmente con qualche cucchiaino di glassa di zucchero all’acqua in modo da simulare un po’ di brina
  • decorare con un nastro festoso

Note

Le ghirlande sono pani dolci profumatissimi, ricchi di arancia candita, uvette e cannella, in grado di emanare un profumo indescrivibile di festa. Con la forma di una ghirlanda, perfetta per decorare le tavole imbandite.
 
N.B. La foto è stata scattata dalla PH Raffaella di www.profumodicannella.net
Dai un voto alla ricetta

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Dai un giudizio alla ricetta